Il sogno della Luna dalla fantascienza alla scienza

Spread the love

Senza scomodare i primi scienziati e pensatori del mondo greco, hanno cominciato i poeti a farci sognare la luna. Poi i romanzieri come Verne hanno compiuto il viaggio prima ancora degli astronauti, sul razzo dell’immaginazione. Il bel libro “Stregati della luna – Il sogno del volo spaziale da Julus Verne all’Apollo 11” curato da Maria Giulia Andretta e Marco Ciardi è il modo migliore per ricordare al mondo che  l’allunaggio di cui quest’anno ricorrono i cinquant’anni – non è soltanto un traguardo scientifico, ma molto di più. E’ come se avessimo moltiplicato al quadrato gli orizzonti geografici e culturali. Ha ragione quindi Piero Angela quando scrive nella prefazione al volume: «Gli storici hanno scelto due grandi eventi del passato per scandire i tempi della storia: la caduta dell’Impero romano nel 476 d.C., per l’inizio del Medioevo, e la scoperta dell’America il 12 ottobre del 1492, per l’inizio dell’età moderna. Gli storici del futuro avranno due avvenimenti a disposizione per segnare l’inizio di una nuova era: il 6 agosto 1945 (la bomba atomica) e il 20 luglio 1969 (la conquista della Luna)». Corredato di fonti, documenti, fotografie, testimonianze, il libro aiuta a ripercorre le tappe di un cammino che ha portato finalmente l’uomo ad afferrare la luna. Nonostante la vastità del cosmo, è la realizzazione di quel piccolo grande sogno che ancora oggi sembra lasciarci increduli. Con una telescopio domestico guardiamo “il Mare della Tranquillità” e proviamo ad immaginare il ripetersi di quella passeggiata lunare che ha cambiato la storia.

Maria Giulia Andretta- Marco Ciardi
“Stregati della luna”
Il sogno del volo spaziale da Julus Verne all’Apollo 11
Prefazione di Piero Angela
Carocci editore
Pagg. 200 – euro 17.00