NATALE DEI LIBRI – Vita degli italiani di New York nel primo Novecento

Spread the love

Non fiction, documento autobiografico, diario della vita quotidiana nella colonia italiana della New York del primo Novecento. Nel libro ripubblicato ora da MnM edizioni, Franzoni fa rituffare i lettori nella Little Italy dei pionieri. Un mondo spietato e duro, tutt’altro che sdolcinato ed edulcorato da facili di film che lavorano sulle corde dello stereotipo. È l’aprile del 1908, quando l’autore, aggirandosi per i quartieri italiani di New York, si rende conto di essere spettatore di un fenomeno d’emigrazione che non ha eguali nel resto del mondo. La colonia italiana degli Stati Uniti d’America è un pullulare di vita dove la miseria, le discriminazioni, le difficoltà con la nuova lingua, le chiusure della stessa comunità, rendono difficile l’integrazione. A ben vedere, ci fa riflettere Franzoni, quella degli italiani a New York (oltre mezzo milione di persone) non è nemmeno una colonia, ma un caotico convivere, in tre quartieri, di gente che ricorda molto più “I vermi” di Matilde Serao. E non c’era solo il nucleo urbano, ma anche gli insediamenti rurali sorti intorno alla metropoli. Un libro che recupero un pezzo della nostra storia, raccontata attraverso cronache del tempo, senza sovrastrutture di pensiero.

Ausonio Franzoni
“1908 – La colonia italiana in New York”
MnM edizioni
Pagg. 110 – euro 11.00