STRENNE DI NATALE – CERCANDO IL MAESTRO

Spread the love

Il titolo non tragga in inganno. È un libro dove la mistica prende spunto dalla materia carnale della vita di tutti i giorni, dove il corpo in tensione si fa ricerca e preghiera, dove l’uomo e la donna sono protagonisti di una tensione di ricerca verso l’Assoluto. La “Poesia religiosa” di Gabriela Mistral dà vita a un canzoniere del corpo abitato dall’anima, un almanacco di vita orante, un prontuario per le quotidiane contese tra il dubbio e la fede. Le poesie ora raccolte nel bel volume pubblicato dalla Libreria Editrice Vaticana sono il frutto della traduzione del volume Poesía Religiosa curato da Pedro Pablo Zegers Blanchet e offrono un ricco repertorio dei temi religiosi affrontati dalla poetessa cilena, Premio Nobel per la Letteratura nel 1945. In particolare emerge  il suo rapporto “confidenziale” con la figura di Gesù – “il mondo appare più bello da quando mi hai fatto alleata” – e l’empatia per un “un Dio triste” che avverte su di sé la sofferenza del mondo. Nelle poesie di Mistral – pseudonimo di Lucila Godoy Alcayaga- si avverte anche una profonda conoscenza e un dialogo con i libri della Bibbia, del vecchio e del nuovo Testamento: “Libro mio, libro per qualsiasi tempo e qualsiasi ora, buono e amico per il mio cuore, forte, sicuro compagno. Tu mi hai insegnato la potente bellezza e il semplice candore, la verità semplice e terribile in brevi canti. I migliori compagni non sono state persone del mio tempo, sono stati quelli che tu mi hai dato: David, Ruth, Rachele e Maria. Con la mia famiglia questi sono tutta la mia gente, quelli che albergano nel mio cuore e sono nelle mie preghiere, quelli che mi aiutano ad amare e a sopportare». Dio è avvertito come presenza reale nei suoi giorni, non come alterità lontana o peggio ancora come Signore che vive nelle remote regioni del cielo, troppo grande per poter star vicino a singoli esseri umani. Al contrario il Dio cantato da Mistral è un Padre affettuoso, con il quale non mancano momenti di tensione. L’autrice, che fu a lungo maestra e professoressa – tra i suoi alunni anche il futuro poeta Pablo Neruda – ci offre un lirico sussidiario di preghiera, un’antologia di versi che si fanno orazione, canto libero per l’Assoluto.

Gabriela Mistral
“Poesia religiosa”
Libreria Editrice Vaticana
Pagg. 226 – euro 18.00