STRENNE DI NATALE: DANTE PER TUTTI, PER TUTTO L’ANNO

Spread the love

Ci sono dantisti che hanno lavorato una vita intera per un approfondire un solo canto della Commedia di Dante, altri che hanno scritto saggi e digressioni su un solo verso, per andare a fondo sul mistero “velato”. Le tre Cantiche del viaggio ultramondano dantesco sono un pozzo senza fondo di significanti e significati che non si finisce mai di svelare appieno. Per questo ogni tentativo di divulgazione (che non sia di banalizzazione) è sempre da salutare positivamente. E’ il caso di quello compiuto ora da Enrico Cavarischia con la sua “La Divina Commedia per tutti”. Si tratta d’un lavoro ben fatto, sia per quanto concerne gli aspetti divulgativi che per l’impostazione generale del compendio. Uno strumento utile agli studenti, ma anche ai docenti, ai lettori che volessero approfondire velocemente degli aspetti o semplicemente lasciarsi suggestionare da uno dei tanti motivi affascinanti che Dante riesce a veicolare. Non pensiamo che la scuola allontani da Dante, anzi, instilla nei giovani discenti quel virus di prima curiosità che si svilupperà poi nell’adulto. Chi non ricorda il prof o la prof che ha saputo raccontarci un canto, un verso, farci entrare fisicamente in uno dei ambienti del mondo al di là del nostro mondo? Di qui la necessità però di approfondire poi un’opera capitale che tutto il mondo ci invidia. In tanti all’estero studiano l’Italiano solo per poter leggere in originale la Divina Commedia. Nel 2021 ricorrono i 700 anni della morte del sommo vate, leggere questo libro di Cavarischia è un modo per celebrarlo entrando in punta di piedi nei versi più belli dell’Inferno, del Purgatorio e del Paradiso .

Enrico Cavarischia
“La Divina Commedia per tutti”
Una spiegazione divulgativa
Primiceri Editore
Pagg. 244 – euro 15.00