Un museo navale di carta

Spread the love

E’ uno di quei libri dove è difficile dire se siano più belli i testi o le illustrazioni, forse perché “viaggiano” – è il caso di dire – di pari passo in un volume che traccia in maniera esemplare una storia delle esplorazioni con un approccio diverso: accanto all’importante, al genio ed al coraggio degli esploratori pone la centralità delle imbarcazioni utilizzate. Il volume presenta le riproduzioni e le descrizioni di oltre trenta fra le barche più famose nella storia della navigazione e delle grandi esplorazioni. Un lavoro tanto più prezioso perché per i secoli pre-fotografici il disegno rappresenta ancora l’unico modo per fornirci l’immagine dettagliata di navi e vascelli che ormai abbiamo solo attraverso l’immaginari filtrato dal cinema e della televisione. Il libro di Jean-BenoîtHéron, che è tra le altre cose un apprezzato illustratore, ha il pregio di spaziare tanto nel mito quanto nella storia e, nell’uno e nell’altro caso, ricostruisce nei minimi particolari dalle fonti esistenti lo scafo di cui si parla, come in una sorta di puzzle affidato alle matite colorate dell’artista. Ecco quindi comparire in questo ideale museo navale su carta: la nave Argo, le imbarcazioni del Rinascimento, protagoniste delle prime spedizioni oceaniche: le caravelle di Colombo, la Victoria di Magellano, la Golden Hind su cui Francis Drake compirà il suo giro intorno al mondo, le navi con cui Cook affronta i suoi viaggi nel Pacifico, la Beagle che conduce Darwin in Terra del Fuoco, il Fram che porta Nansen al polo Nord, l’Endurance di Shackleton. Si arriva fino al presente, con le imbarcazioni a vela più avveniristiche e veloci usate per la Vendée Globe. Per ogni imbarcazione, ai raffinati acquerelli, sono riassunti i termini dell’impresa, l’organizzazione della vita di bordo. Scrive l’autore nella sua introduzione: “La storia ha conservato i nomi degli esploratori ma anche quelli dei loro vascelli, perché cosa sarebbero questi avventurieri senza le loro imbarcazioni?”. Questo libro rappresenta la curiosa e splendida risposta.

Jean-BenoîtHéron
“Barche che hanno scoperto il mondo”
Traduzione di Tommaso Stella
Nutrimenti editore
pagg. 128 – euro 19.00