Vulcanologia esistenziale nel più bel libro sull’Islanda

Spread the love

“Iceland”, terra del ghiaccio – Islanda in Italiano – è un Paese affascinante, dove la natura selvaggia è un concentrato di paesaggi al limite dell’abitabilità: ghiacci, nevi, geyser, vulcani. Questi ultimi sono talmente numerosi e operosi che la loro intensa attività modifica spesso la fisionomia dei luoghi. In Islanda «ogni dieci anni in media compare una nuova montagna o un nuovo campo di lava a cui tocca trovare un nome . ricorda lo scrittore Hallgrímur Helgason – È il Paese stesso a renderci creativi» . All’origine di questo libro però non c’è un desiderio scientifico, non è un trattato di vulcanologia. L’approccio è letterario, perché l’erompere della natura ha creato nella storia d’Islanda, fiumi lavici di storie e ha favorito l’approdo di curiosi, poeti, narratori, geografi, scienziati, insomma una variegata folla di personaggi eccentrici in cerca di paesaggi tutt’altro che banali. Di qui la raccolta di 47 storie legate in vario modo ad altrettanti vulcani, che spaziano dalle avventure dei primi colonizzatori dell’isola alle imprese di esploratori estremi, dalle antiche saghe norrene alle missioni della NASA nei canyon «lunari» degli altipiani interni. Spesso a raccontare meglio una terra, complice lo sguardo altro, è chi non vi è nato. A scrivere questo libro è un italiano, Leonardo Piccione, che però conosce bene l’isola dove ormai vive da diversi anni per motivi scientifici. La sua scrittura narrativa, sa veicolare tutti i registri letteraria, tra prosa e poesia, saggio scientifico e divulgativo. Dagli aneddoti alla toponomastica, passando per la geografia e la geologia, tutto concorre a farcire un libro unico, da leggere comodamente in poltrona per viaggiare nelle terre estreme.  Occorre ricordare che, senza i vulcani, la terra non sarebbe quel giardino abitabile che è oggi, e che dobbiamo ad essi la vita sul pianeta.

Leonardo Piccione
“Il libro dei vulcani d’Islanda”
Storie di uomini, fuoco e caducità
Iperborea editrice
Pagg.  384 – euro 19.50